Teramo

  • Shopping
  • Mangiare e Bere
  • Tempo Libero

Offerte speciali

Nessun lastminute disponibile in questa zona

Eventi

Le mie vacanze

Nessun racconto di viaggio per questa zona

GUESTHotel Blog

Presto online...

La provincia di Teramo si allunga tra il Mare Adriatico e il monte Gran Sasso, permettendo a diversi ambienti di convivere, dalle spiagge del litorale, fino alle colline e ai calanchi montani. Questo ha permesso negli anni, di sviluppare un'offerta turistica molto variegata, che va dalla vacanza in spiaggia, a Giulianova e Alba Adriatica, fino a quella all'aria aperta, praticando attività come il trekking sui monti della laga o sulle colline teramane, o addirittura, durante i mesi invernali offrendo ai turisti la possibilità di sciare sui moderni impianti di San Giacomo e del Monte Piselli.

Tantissimi sono gli hotel, gli alberghi economici a gestione familiare, i B&B, e le pensioni che propongono continuamente offerte last minutes per le vostre vacanze.
 
Storia e cultura
 
Teramo possiede radici che affondano nell'antichità. La città fu infatti abitata già durante la preistoria, mentre durante l'Impero Romano, raggiunse il suo punto di massimo splendore. I Romani costruirono infatti templi, terme e anfiteatri. Successivamente fu distrutta dall'invasione dei Visigoti, per passare poi sotto il dominio longobardo e dei duchi di Spoleto. Fu quindi la volta del Regno Normanno, che iniziò una contesa con i Duchi di Puglia, per estendere il proprio potere su questi luoghi, fino ad arrivare nuovamente ad una distruzione della città, nel 1155. Solo durante il Regno della Chiesa riniziò una lenta ripresa di Teramo, testimoniata dalla costruzione della bellissima cattedrale di Santa Maria Assunta e San Berndardo. Questo edificio, che è anche il Duomo della città, ha come particolarità quella di essere stato realizzato con diversi stili architettonici, principalmente romanico, mentre è gotico nella parte alta. All'interno di questa chiesa si trovano diverse importanti opere d'arte, come il paliotto d'argento, realizzato da Nicola da Guardiagrele, o il polittico ad opera di Jacobello del Fiore. Altre mete religiose di notevole importanza sono inoltre il Santuario di San Gabriele, di Isola del Gran Sasso. Qui ogni anno, giungono tantissimi giovani per pregare sulla tomba del Santo, protettore dei giovani cattolici, famoso con il soprannome di Santo del Sorriso e della Gioia. A qualche chilometro da qui si trova inoltre la Scala Santa, di Campli.


Immagini da: Immagini da: fontedelceppo.it, sangabriele.org