Trulli e Valle d'Itria

 Le caratteristiche costruzioni rurali nel cuore della valle

La zona dei trulli si estende in provincia di Bari, Brindisi e Taranto. Comprende le località di Alberobello, Castellana Grotte, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca e la Valle d'Itria. E' una caratteristica abitazione di origine rurale, di forma cilindrica. Sulla pianta centrale costruita con muri a secco è collocata una piccola cupola a forma di cono. I muri dell'abitazione sono imbiancati mentre il cono è rivestito di filari circolari di pietre color grigio dette 'chiancarelle' sulle quali sono tracciati vari simboli (di natura astrale, religiosa o sociale). Disegnati con latte di calce, i coni sono decorati con tracce sacre e profane, come stelle, croci e mezzelune. Il trullo, costruzione senza tempo, è tra le espressioni più tipiche della cultura contadina. Gli ingressi più antichi si caratterizzano per la presenza di un'architrave in pietra con sovrastante arco di scarico. L'innesto dell'ingresso modifica la forma conica della copertura, inserendosi in essa e prendendo la forma di un piccolo frontone sporgente detto 'fuso'. Oggi, questa caratteristica abitazione è alla portata di tutti. Infatti, il sogno immobile di una natura a misura d'uomo si è trasformata in realtà: sono numerose le possibilità di trascorrere soggiorni nei trulli, coniugando architettura, natura e e prodotti della terra, alla riscoperta di ritmi antichi di vita. Un itinerario consigliato è il percorso da Putignano a Cisternino e il soggiorno nella meravigliosa Valle d'Itria: nel cuore della valle, lungo strade di campagna che si snodano tra caratteristiche costruzioni a trullo, vigne e uliveti a perdita d'occhio.
La capitale dei trulli è Alberobello entrata a far parte del patrimonio dell'umanità tutelato dall'Unesco. Deliziosa cittadina fuori dallo scorrere del tempo, Alberobello il cui nome deriva dal querceto che anticamente ricopriva la zona, rappresenta una meta turistica importante per l'intera regione. I rioni Monti e Aia Piccola sono composti interamente da trulli che spuntano come funghi fra le tortuose stradine dl centro storico, inerpicandosi sulla collina. Il panorama è magico e affascinante.
Locorotondo con Martina Franca e Cisternino è una località che si affaccia sulla Valle d'Itria, fertilissima depressione carsica. Il paese si arrocca su un colle e si presenta a pianta circolare (da cui è tratto il nome della località). Sull'abitato, si erge l'imponente chiesa di S.Giorgio.
La Valle d'Itria si adagia fra Locorotondo e Martina Franca. Allo sguardo, si presenta come una ridente pianura disseminata di trulli, case rurali, vigneti e uliveti. La zona è anche ricca di quercioli che formano piccole macchie boschive, di alberi da frutta e rovi che si ammucchiano fra i muretti a secco che dividono i campi e delimitano i tratturi. Questi muretti sono composti dalle chiancarelle, le medesime pietre che ricoprono i coni dei trulli. I contadini estraggono le chiancarelle dal terreno, per coltivarlo facilmente. La Valle d'Itria è raggiungibile da Martina Franca che dista poco meno di 30 chilometri da Taranto oppure da Locorotondo che dista da Bari una sessantina di chilometri.

Alcune Strutture Consigliate