Pistoia

  • Shopping
  • Mangiare e Bere
  • Tempo Libero

Offerte speciali

Nessun lastminute disponibile in questa zona

Eventi

Le mie vacanze

Nessun racconto di viaggio per questa zona

GUESTHotel Blog

Presto online...

La provincia di Pistoia è rinomata, non solo per lo splendido paesaggio e le costruzioni storiche, ma anche per le manifestazioni artistiche e culturali che vengono proposte al pubblico, durante tutto l'anno. Potrete camminare per le strade medievali pistoiesi, solcate in passato da pellegrini e mercanti, diretti verso la Terra Santa, Roma, Santiago de Compostela. Pistoia è infatti famosa anche per le sue chiese, i monasteri e i contenti, che un tempo ospitavano questi viaggiatori. Ancora oggi infatti l'ospitalità rappresenta uno dei tratti caratteristici di questo territorio. A Pistoia e nei suoi paraggi si trovano tantissime sistemazioni, per ogni tipo di esigenza, come hotel, alberghi, bed and breakfast e agriturismi.

Storia e Monumenti
La città di Pistoia ha origine romana, e raggiunse il suo massimo splendore tra il XII e il XIII secolo, quando acquistò la completa autonomia comunale. All'inizio del Trecento, la città di Pistoia fu contesa da Firenze e Lucca, che si trovavano in contrapposizione. Alla fine di una battaglie che vide queste due potenze toscane scontrarsi per diverso tempo, Pistoia venne finalmente assoggettata da Firenze. In questo periodo furono costruite la via modenese e furono bonificati numerosi territori paludosi. Durante il Medioevo furono costruiti tantissimi palazzi che ancora oggi costituiscono il suo patrimonio artistico, e conservano la traccia di diverse epoche storiche, come le chiese romaniche e gotiche. Nel 1444 fu portata qui, attraverso due pellegrini che stavano percorrendo la via Francigena verso Santiago de Compostela, la reliquia di San Jacopo. Infatti, proprio il culto di questo Santo, caratterizza i più importanti monumenti della città, a partire dagli edifici presenti su Piazza Duomo.
La Cattedrale di San Zeno, ad esempio. Le prime notizie di questo edificio risalgono al 923, ma l'aspetto attuale fu dovuto a successive modifiche, avvenute durante i secoli XII, XIV e XV. Nella Cattedrale sono tantissime le testimonianze del culto di San Jacopo. All'interno si trova un altare Argenteo, che rappresenta una delle opere più importanti dell'oreficeria Gotica, sia italiana che europea. Inoltre, sempre nella Cattedrale si trova il bellissimo arazzo Millefiori. In piazza Duomo si trova l'Antico Palazzo dei Vescovi, a fianco dalla Cattedrale. In passato era la sede vescovile. Al piano terreno si trova la Sagrestia del Tesoro di San Jacopo, oggi conservato nel Museo della Cattedrale, che ha sede nel Palazzo. Sempre qui troviamo il palazzo Comunale, con a fianco la Torre di Catilina, una delle antiche Case-Torri medievali, di una delle più importanti famiglie della città di Pistoia. Il nome della torre, deriva dall'episodio storico, di Catilina, accusato di Tradimento da Cicerone, che fu sconfitto proprio qui. Da vedere anche l'Ex Convento di Tau, e la Chiesa di Sant'Andrea. Meritano una visita anche la Chiesa di San Bartolomeo in Pantano, di origine longobarda. La facciata di questo edificio è realizzata secondo i canoni dell'arte romanica, con l'architrave scolpito con cristo e i suoi dodici apostoli. Oltre a quello di San Jacopo, anche il culto di San Bartolomeo, protettore dei bambini, è molto vivo a Pistoia. Continuando questa passeggiata virtuale per le vie della città, arriviamo fino a Piazza della Sala, che durante l'epoca longobarda era il centro della città. In questo periodo, la piazza acquista la sua attuale funzione commerciale, diventando sede del mercato. Nel 1543 qui viene costruito il Pozzo del Leoncino, che si trova ancora oggi al centro. Da vedere anche Palazzo Panciatichi o del Balì, un edificio medievale pistoiese, fatto costruire come casa fortificata nel XIV secolo da Vinciguerra Panciatichi.
A Pistoia si trova anche la Basilica della Madonna dell'Umiltà, una grande chiesa a pianta centrale, realizzata alla fine del Quattrocento.
La cupola dell'edificio fu realizzata ad opera di Giorgio Vasari, ed è ancora oggi uno dei più importanti simboli religiosi della città. La chiesa fu costruita per onorare l'immagine miracolosa della Madonna con il Bambino, proveniente dall'antica chiesa di Santa Maria Forisportam.
Infine troviamo la chiesa della Madonna del Carmine. Questo complesso architettotico, che comprende oltre alla chiesa, anche il convento, fu realizzato durante tra Duecento e Trecento.