Aosta

  • Shopping
  • Mangiare e Bere
  • Tempo Libero

Offerte speciali

Nessun lastminute disponibile in questa zona

Eventi

Le mie vacanze

Nessun racconto di viaggio per questa zona

GUESTHotel Blog

Presto online...

Aosta è il capoluogo dell'omonima regione, la Valle d'Aosta. Questa città è situata in una posizione centrale, nella valle, all'interno della quale scorre il fiume Dora Baltea. Già dall'antichità Aosta era un importante crocevia per quanto riguarda il passaggio delle Alpi Occidentali, ed è attualmente collegata alla Francia attraverso il traforo del Monte Bianco. Aosta e tutte le valli circostanti, sono protagoniste di un'intensa attività turistica. L'offerta alberghiera, per questo motivo è molto vasta, e comprende hotel, alberghi, residence, bed and breakfast e rifugi.

Monumenti e storia
La città di Aosta si trova geograficamente all'interno della Valle d'Aosta. Questa zona era già abitata in epoca preistorica, dalla popolazione celto-ligure dei Salassi, che lasciarono come testimonianza incisioni rupestri, tumuli e necropoli. Sono tantissime infatti i siti archeologici che hanno portato fino a noi reperti importantissimi, e che ci permettono di conoscere questa misteriosa civiltà. Uno dei siti più importanti è quello di Saint Martin de Corleans, che anticamente fu luogo di sepoltura, come testimoniato da Stele, tombe e Menhir. Inoltre molto interessanti sono anche quelli di Chatelet a Saint Pierre, con reperti di epoca preistorica, e quelle di Villeneuve e Vollein, che erano necropoli, durante l'epoca neolitica. Per quanto riguarda le incisioni rupestri, molto interessanti sono quelle di Bard, di Chenal o di Bernasse. La civiltà guerriera dei Salassi, che abitò in questi luoghi, in particolare in insediamenti fortificati nelle alture, fu sconfitta dai Romani, durante il I secolo a.C, dopo una guerra che durò quasi cento anni.

I romani infatti, conquistarono questi territori nel 25 a.C e fondarono la città di "Augusta Praetoria", così chiamata in onore dell'imperatore Augusto. A questo periodo risalgono il ponte, l'arco d'Augusto, la porta Praetoria, il criptoportico Forense, il Teatro e la cinta Muraria, antiche e importanti testimonianze della loro presenza. La città fu fondata per volontà dell'imperatore Augusto, e divenne in breve tempo simbolo della colonizzazione romana, e centro strategico per controllare le vie d'accesso alla zona e ai valichi alpini del San Bernardo.
Uno dei simboli della potenza romana in Valle D'Aosta è dato dall'Arco d'Augusto, fatto costruire nello stesso anno della vittoria dell'Impero sulla civiltà dei Salassi.
Alla città si poteva accedere attraverso la cosidetta Porta Praetoria, ancora visibile, nella parte orientale di Aosta. In prossimità di questa porta, si trovava uno spazio, utilizzato per gli spettacoli pubblici. Risalente al periodo imperiale, fu anche la costruizione della strada "delle Gallie", che inseriva la regione nel tracce delle vie internazionali, per raggiungere Aosta, e attraversare i valichi alpini. Questa strada ricomprì un'enorme importanza, rimanendo in uso fino all'Ottocento. Se vi trovate ad Aosta, tra le antiche testimonianze che potete osservare, trovate la Chiesa Cruciforme di San Lorenzo, risalente al Periodo Paleocristiano, situata di fronte alla colleggiata di Sant'Orso, dove furono sepolti i primi vescovi della città.

Aosta, successivamente, passò sotto il controllo delle popolazioni dei Longobardi e dei Carolingi. Successivamente fu la volta dei Savoia. Nel 1191 Tommaso I di Savoia, concesse la "Carta delle Franchigie", che attribuiva al territorio di Aosta, uno statuto autonomo, sia politico che amministrativo. Durante il medioevo, invece furono costruiti il Complesso di Sant'Orso, riconoscibile dal tipico campanile romanico, la colleggiata con la cripta, il chiostro, il priorato, la cattedrale con il Museo del Tesoro, gli stalli e la cripta.
Ad Aosta, vengono inoltre costruiti, dalle ricche stirpi nobiliari valdostane, edifici fortificati e dimore, alcune con scopo difensivo, altre utilizzate unicamente come abitazione. Vengono infatti costruite in questo periodo torri e fortezze, come la Tourneuve, la Torre dei Singori di Sant'Orso, la Torre dei Balivi, la Tour Fromage, e la Torre di Bramafan, alcune di queste su resti di edifici romani e antiche costruzioni di altri periodi storici. Inoltre, altre testimonianze di questa tendenza architettonica furono i Castelli di Gaines, di Cly e di Chatel-Argent. Ma sono tantissimi i castelli presenti in tutta la Val d'Aosta. Solo per citarne alcuni, il Castello di Verrès, riccamente decorato, o il castello di Fenis, uno dei più importanti della regione. Aosta, inoltre subì anche l'invasione di Napoleone, in particolare durante la campagna d'Italia, durante il 1800.